crescere

Crescere vuol dire avere il fegato di licenziare l’interprete che ha lavorato male e che quasi si mette a piangere, ma che si rende conto della situazione e poi andare ad una cena di lavoro (per la prossima volta ricordarsi di bere solo acqua) cercando di essere serena.

Crescere vuol dire accettare le proprie ansie e fare in modo che non ti rovinino troppo la vita e se per fare questo bisogna trovare un secondo lavoro per non avere il tempo di pensare. E così ho accettato di fare la guardiasala alle Gallerie dell’Accademia per una miseria, per neanche 4 domeniche al mese…

Crescere vuol dire essere ancora qui…

 

3 pensieri su “crescere

  1. ci sto lavorando…attendo risposta per babysitteraggio a due gemelli di 4 anni…le mie domande: pagheranno il doppio? come sopravviverò? e sopratutto: come farò io che non amo i bambini?

  2. Risposte:
    – se non pagano doppio tu ne curi uno solo e permetti all’altro di giocare nell’armadietto dei coltelli da cucina.
    – nei momenti di sconforto pensa al motivo per cui sei lì (immagino avrai un obiettivo economico da raggiungere).
    – così piccoli non saprei, ma in generale il segreto è fare capire chi comanda.

    Comunque per eguagliarmi devi arrivare a 4 contemporaneamente! 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...