casina casetta

Un post dedicato a lei: la mia nuova casa.

Oh, mia piccola casina, i miei primi 48 metri quadrati ancora da vedere, ancora non calpestabili perchè non hai un vero pavimento. Potrei dormire e vedere il cielo, le stelle, la luna…non hai ancora un tetto e neppure gli infissi e neanche il bagno, però hanno già costruito gli scarichi. Ti guardo e ti vedo come sarai tra qualche mese: bellissima, accogliente, luminosa. Non hai ancora la porta dingresso, potrei venire a disegnarla con un gessetto, però so bene dove sarà la camera da letto, non sei ancora indipendente ma ancora unita all’altro appartemento confinante, ma tra poco avrai le tue belle mura. Non esisti ma io ti vedo, non esisti ma da oggi pomerigio sei mia.

 

Annunci

il tatuatore

Il tatuatore temporaneamente cambia lavoro e farà l’imbianchino. Ieri mi fa: “però sarà sabato e domenica. Però il sabato sera prendo la motonave e vengo a dormire da te e poi torno a lavorare e poi torno a dormire.” E io: “beh, vieni direttamente la domenica.” Sta diventando un ex tatuatore-imbianchino-tendenzialmente stanziale che finalmente ha deciso di ricominciare a lavorare e a guadagnare e già fa castelli in aria (andiamo in ferie!) e si fa trascinare da un impazzamento ormonale e io mi preoccupo di fargli tornare la voglia del suo primo amore artistico: il tatuaggio. E sui tatuaggi ci sarà da dire, ma diamo tempo al tempo.

 

campagna sociale

Sono capitata in un blog carinissimo, me lo sono letto quasi tutto e stasera appoggio questa campagna: per il benessere delle mie colleghe d’ufficio, delle coinquiline squinternate, della amiche in crisi, delle guardiasala paranoiche, degli uffici stampa sfibrati…e ovviamente per il mio. (Mi scusi l’impertinenza, prof!)

delirando

Sabato, domenica, lunedì mattina si trasloca da una stanza all’altra, mentre Diana la squinternata cambia casa e ci liberiamo di tutte le sue boccettine di roba omeopatica (ci metterà una settimana, lo so, ma poi sarà la quiete). Bisogna rendere noto che trasloco da me fa rima con sesso. Quindi, sì, sono stanca di spostare mobili, ma sono anche parecchio impaziente di provare il nuovo lettone matrimoniale. Anche se sempro più la brava lavanderina che sta programmando le pulizie generali in casa che una fanciulla disinibita.