oh cielo! sono vecchia!

Mi sono ritrovata a fare un discorso alla stagista del tipo “non pensare che non ci sia del lavoro da fare solo perchè non hai voglia di farlo. E non chiedere continuamente se puoi cambiare attività e, per favore, concludi le cose che ti chiediamo di fare. Ognuno di noi qui dentro è importante. Capisco che lavorare e scrivere la tesi contemporaneamente può essere molto stressante ma non ti devi portare i pensieri dellufficio fuori da qui.” Uccidetemi. Subito. Ora.

 

Annunci

mi sembra logico

Ho la bronchite.
Inaugura una super mostra venerdì, sabato e domenica.
C’è la cena di gala e io sono maledettamente ingrassata e la voglia di zompettare sui tacchi è pari a meno venti.
La stagista lagnosa è sempre più lagnosa.
L’Ufficio Stampa sta per avere un esaurimento nervoso.
Io sto bene, sono serena nei limiti delle mie possibilità
Il mio pc si è appena bloccato e non accenna a voler funzionare. E come c***o faccio per il check finale quando tutto è nella mia posta elettronica???

 

il mondo non dovrebbe essere così

Vi piacciono queste scarpe?

di Alessandro Giliolic-pic

Le trovate in vendita in parecchi negozi. Non ne dirò il marchio, non solo per non fare pubblicità ma anche perché accade più o meno lo stesso per i suoi concorrenti. Ecco, queste scarpe sono fabbricate a Mumbay, in India. Precisamente in questo stabilimento

catwalk1

dove si lavora 15-17 ore al giorno, in un caldo infernale

catwalk3

in un ambiente puzzolente di tutte le colle e le sostanze chimiche usate per la fabbricazione

catwalk6

per sei giorni alla settimana a tempo pieno, mezza giornata la domenica, compresi i minorenni

catwalk8

per un stipendio che si equivale ai nostri 40-50 euro al mese

cvatwalk2

e la sera si dorme su materassi accanto ai capannoni di produzione.

Io solitamente non amo parlare di queste “faccende” nel mio blog e mi rendo conto che di situazioni come queste ce ne sono a milioni in tutto il mondo. Ho deciso comunque di riportare la e-mail che tanto mi ha turbato. Ogni tanto fa bene sbattere contro la realtà.

 

ovviamente

Piove che dio la manda, io vado a portare dei documenti in Soprintendenza (e ce ne sono 3 qui). Prima di tornare in ufficio telefono…
 
Ufficio Stampa: visto che torni a piedi
Io: veramente piove e prenderò il vaporetto
Ufficio Stampa: visto che torni a piedi passi nell’albergo che hai prenotato per gli ospiti per vedere se va tutto bene.
Io: ma sai che avevo proprio voglia di farmi una passeggiata sotto la pioggia?

concorsando

Oggi era il giorno del grande concorso per il Ministero dei Beni Culturali…la mia preparazione, paradossalmente, era pari a zero…anche se ero la tranquillità fatta a persona. Tant’è che nelle 2 ore che ho aspettato per cominciare la preselezione ho anche dormito.
Una cosa non mi va giù, e passerò per razzista-legista-chi-ne-ha-più-ne-metta: perchè dei siciiani o dei valdostani devono venire qui a fare il concorso quando questo si fa in ogni regione d’Italia? Capisco fosse un profilo professionale richiesto solo in un paio di regioni…
E adesso ai primi di dicembre a Bologna, però dopo aver studiato!

 

the day after

Sabato, dunque, Grande Amore ha incontrato il Tatuatore e si sono piaciuti, hanno (s)parlato e bevuto, riso e fumato allegramente insieme. Il che è molto positivo, il Tatuatore ha capito che tipo di rapporto ci lega, ha incontrato la fidanzata di Grande Amore e io mi sono sentita nuovamente come in “Il matrimonio del mio migliore amico”: io su un piedistallo, lei nel suo letto, e la sera a nanna mi ha detto: “c’è solo una persona di cui potrei essere geloso. E’ Grande Amore.” E per la prima volta parlava seriamente.