già che ci sei…

Mi cerchi le fotografie realizzate dal 2002 ad oggi per i cataloghi X, Y, Z? Ovviamente ce le diano gratis e ovviamente in digitale perchè noi abbiamo perso gli originali…

Curatore: “Mi fai entrare gratis alla Gam di Torino?”
AmandaBlack: “dove sei ora?”
Curatore: “davanti alla biglietteria…”
AmandaBlack chiama la Gam e ritelefona al curatore “tra 3 minuti entri”
Dirmelo con un po’ di anticipo no?!?
(E la stessa cosa si era ripetuta alle 10 per un altro museo…)

Annunci

il colloquio

Il colloquio era fissato per le ore 14.00.
La tizia si presenta alle 14.10, in ritardo dalla pausa pranzo.
Alle 14.20 mi ha chiesto di compilare un modulo.
Nel frattempo una collega della tizia cade dalle scale e tutto l’ufficio accorre a vedere e ad intralciare.
Chiamano l’ambulanza
E io resto seduta lì ad aspettare.
Alle 14.50 la tizia mi fa accomodare.
Mi spiega brevemente il lavoro e gli orari.
Io ascolto.
Mi chiede se ho domande.
“Vorrei sapere il trattamento economico e contrattuale”
“Collaborazione a progetto e …beh, per i soldi non so”
“Io vorrei saperlo”
E così tizia scompare e riappare più e più volte portando notizie contrastanti sui milioni di euro che potrei guadagnare.
Dopo un quarto d’ora di via vai mi chiede se sono interessata.
“Ci devo riflettere”
Ore 15.00

dei secondi lavori

Il problema dei secondi lavori è che spesso il gioco non vale la candela. Ragion per cui, a fronte di un'offerta che prevede un impiego di 12 ore settimanali (giovedì mattina, sabato tutto il giorno, domenica mattina), senza ferie, senza malattia, senza permessi, con contratto a progetto fino al 31 ottobre e 6€ l'ora…ho inizialmente detto di no.
Perchè?
Ci tengo alla mia salute.
Ci tengo alla mia vita, meglio con 300€ in meno e la possibilità di andare in spiaggia, leggere, fare l'amore, vedere amici e parenti.
7€ sono troppo pochi per lavorare anche durante i festivi.

<!–

–>

la cortesia

Il museo sopra la galleria ci ha prestato 55 sedie da regista per una stupida conferenza. Ovviamente a riportare le sedie sono gli idioti, tra cui appunto la sottoscritta. Mentre trascino al secondo piano le sedie, il curatore chiede al tizio del museo di darci una mano e lui continua a fumarsi la sigaretta.

Più tardi, conversazione tra AmandaBlack e Curatore…

C: però poteva anche darti una mano
AB: non fa parte del suo contratto…vorrei anche io un contratto…un contratto in cui ci sia l'esplicita necessità di essere cortesi con gli altri.

<!–

–>

vita di palazzo


Non finirò mai di dirlo: quello che mi piace del palazzo in cui sono cressciuta è che si tratta di una comunità. Ma non come nel film di Alex de la Iglesia "La Comunidad – Intrigo all'ultimo piano", bensì di una serie di persone che vivono e condividono le loro vite in modo molto riservato, ma solidale.
Oggi abbiamo trovato un gattino perso in giardino e casualmente ci siamo ritrovati tutti sulle scale a decidere del destino del gattino. Martina del primo piano ha messo la pappa e gli ha trovato una casa per stasera, Serena e il signor Antonio del secondo hanno messo la cesta e un pezzo di coperta, io…beh, ho cercato di portarmela a casa e ho riportato delle ferite di guerra. Ora siamo ognuno a casa e lo controlliamo dalla finestra, finchè stasera alle 8 non arriverà il suo nuovo padrone e si spera compagno di vita.
E' stato bello preoccuparsi insieme, cercare una soluzione.
Mi chiedo se mai ritroverò una comunità come questa.

<!–

–>