svanita

Convinta di avere una visita guidata stamattina mi sono preparata di buon’ora.
Indecisa se fosse alle 10 o alle 11 ho preferito arrivare alle 9.30.
Ecco, per la cronaca: la visita è domani mattina.
Meglio un giorno prima che uno dopo!
E per fortuna ho controllato di nuovo l’agenda…altrimenti stasera alle 22 sarei andata ad attendere dei turisti che arriveranno domani.

Annunci

donne finte e uomini veri

AmicaNuova (che ormai tanto più nuova non è) lavora in un negozio di articoli per adulti.
Ieri siamo andate a pranzo insieme e mentre aspettavamo l’orario della pausa per chiudere lei sistemava gli articoli che le erano appena stati mandati dalla sede centrale.
Il più allucinante era un busto di donna senza testa.
Nella mia beata innocenza mi sono chiesta a cosa servisse quella cosa e, facile a capirlo visto il negozio, era un…succedaneo di donna munita di tre cose importanti: il seno e va be’, gli altri due ve li lascio immaginare…
La cosa pazzesca è che tattilmente sembrava quasi una pelle vellutata vera, era veramente inquietante, bella. Solo il seno era di una consistenza “siliconica” ma non credo che ad un uomo che usa tale strumento di piacere interessi particolarmente una tetta naturale.
Tralascio la descrizione di altri articoli per uomini…non so, ma ho l’impressione che gli acquisti di una donna in questi negozi siano sempre e comunque meno volgari.
Sono di parte?
Comunque, meglio che un uomo spenda più di 300 euro per un pezzo di donna finta che per una prostituta…

la mia etica

Uno dei miei (secondi, terzi, quarti…) lavori è accompagnare i turisti stranieri in un paio di appartamenti che affitta una gentile signora. Il lavoro non è complicato: li prelevo alla fermata del vaporetto, li porto a casa, accendo le luci e spiego tre cose in croce. Dico solo che per 10 minuti di lavoro prendo la stessa cifra di una visita che dura anche oltre un’ora. Deduco che qualcuno sbaglia a pagare il mio lavoro.
Ieri ho aspettato una coppia, non sapevo l’età, mi chiamano per dirmi che il volo è arrivato tardi. Quando li prelevo vedo che sono una coppia di ragazzi giovanissimi, forse ventenni per la prima volta a Venezia e insieme. Mi fanno tenerezza, probabilmente hanno messo da parte i soldi, fanno come Architettando e C, o come facevo io con Lui viaggiando con low cost e amore.

Non ho avuto cuore di fargli pagare l’extra per l’ora tarda. Quei soldi saranno meglio spesi in una pizzeria o per un gelato romantico in piazza San Marco. Glielo auguro.

report di una settimana sabbatica

Eccoci qua, questa prima settimana sabbatica sta finendo e i miei sentimenti sono quantomeno contrastanti. Da un lato mi sento leggera, felice e serena lontano dall’ufficio, dall’altra mi rendo conto che in una settimana non ho fatto praticamente niente se non dormire, leggere, guardare la tv, fare la cat sitter…mi sono sempre svegliata senza sveglia e con una pigrizia folle.
Sento che ho bisogno di lavorare, perchè mi dà dei ritmi e mi obbliga a vestirmi e ad uscire, però sento anche che questa pausa mi piace e mi fa bene spiritualmente. Mi sento scissa tra due dimensioni che mi calzano a pennello…