per favore, smetti di studiare

Ecco, ho fatto un esame per me molto importante e ho preso l’abilitazione come guida nazionale.
Al di là delle lotte intestine nel mondo del turismo tra guide locali e neo-guide nazionali, è un bel traguardo, desiderato e soprattutto sudato.  
La mia regione non ha adeguato la normativa per l’abilitazione alla professione e quindi tutti i concorsi sono bloccati, così mi sono trovata a fare la concorsista in trasferta.
Tra i bandi ne ho perso uno importante oltre tre anni fa a Brescia che forse mi avrebbe cambiato la giornata, ma subito dopo mi sono iscritta in Sicilia.
Perché in trinacria? Perché bastava una sola lingua straniera, c’era solo un orale, bisognava presentare una tesina e la tassa di iscrizione era abbordabile.
Ci sono voluti due anni e mezzo prima che uscisse una data e l’esito è stato disastroso
Quindi, dopo troppo tempo passato a studiare la magna Grecia ho deciso di seguire la massa e di spostarmi in Emilia Romagna.
La massa?
Tutti i colleghi dell’aeroporto erano già andati lì e io trovavo vagamente immorale pagare una cifra spropositata per un corso non obbligatorio ma caldamente consigliato e per un esame.
Però l’ho fatto, quel tesserino mi serve.
E così sono andata munita di mamma al seguito in modalità assorbi-stress, valigia e libri su una regione che conoscevo ben poco.
Il primo tentativo è stato fallimentare e venti giorni di studio non sono stati sufficienti.
Ho ricominciato a studiare, mi sono iscritta all’appello successivo, ho pagato un’altra tassa esorbitante, sono partita, ho sostenuto l’esame e l’ho passato.
Ho meritato la promozione, ma c’è una vocina dentro di me che mi dice “ricordati che hai preso la strada più facile e che, in fondo, questa abilitazione l’hai comprata a caro prezzo”.
La verità sta nel mezzo.
E io, dopo tre anni questa domenica non avevo un libro aperto e mi sentivo un po’ vuota. Mia mamma, che nel frattempo mi ha sopportato, mi ha detto: “per favore, adesso basta studiare…”
“Ok, allora mi riscrivo all’università l’anno prossimo.”

Un pensiero su “per favore, smetti di studiare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...