the day after

Il giorno dopo due maree eccezionali (la prima dalle 12 alle 15 e la seconda dalle 20 alle 23) la città si ritrova paralizzata.
Paradossalmente Venezia è molto più brava a vivere il quotidiano con i piedi in ammollo piuttosto che far fronte alle necessità del giorno dopo.
O meglio i veneziani sanno convivere con la marea, ricordo ancora una delle mie prime maree eccezionali quando mi stupii che si continuava a fare la spesa ma soprattutto ad andare a bere il caffè al bar. Il vero problema sono i turisti che si tuffano (letteralmente) in acqua per un selfie.

E così il giorno dopo negozi, supermercati, bar, banche e tutto il resto chiusi per far uscire l’ultima acqua, pulire, disinfettare, sistemare, aggiustare i danni che inevitabilmente ci sono.
Il giorno dopo è quello in cui si fanno i conti con la realtà, in cui si torna letteralmente con i piedi per terra.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...