Archivio dell'autore: amandablackblog

buon lunedì

Oggi è il blue monday, cioè il lunedì triste, il più triste di tutto l’anno.
Pare ci sia un’equazione del 2005 che ha identificato la malinconia nelle condizioni meteo, nelle giornate corte, il natale lontano, lo stipendio pure, il fatto che sia lunedì e che si lavori.
Ma io non sono particolarmente triste oggi.
Anzi, questa mattina pensavo di adottare un cormorano; le bestiole fanno sosta a Venezia tra dicembre e gennaio per far nascere i piccolini e poi ripartire. Alcuni sono già partiti, i soliti ritardatari ci osservano e fanno i bagagli.

Annunci

parole tabù n.1

Quest’anno non voglio avere parole tabù nel mio vocabolario.
Iniziando dai sentimenti negativi:

Odio
Risentimento
Rabbia
Invidia
Astenia
Disinteresse
Noia
Solitudine
Abbandono

Quindi se volete farmi una domanda su di me, sui miei rapporti umani, scegliete pure a caso una delle opzioni qui sopra.
Andrà bene.


combattiamo l’insonnia

Tra le mie questioni riguardanti la salute c’è l’insonnia che è uno dei tanti simpatici sintomi della depressione maggiore e, soprattutto, l’ultimo ad andare via.
Ora che l’umore non poi così orribile e che mi sto preparando ad un salto, su pressione de LaStrizza ho deciso di sistemare il sonno e quindi sono andata dal mio doc di fiducia.
“Ma Lei, cosa fa di notte?”
“Riordino la libreria, faccio la lavatrice, guardo la tv, studio, mi autocommisero…”
“Quanto dorme all’incirca?”
“4 ore, a volte anche 5…”
Insomma, parliamo, lui domanda, io rispondo.
“So che non crede nelle cose naturali, ma deve prendere la melatonina alle 20.” Lo guardo perplessa. “Ma non una pastiglietta, deve prendere 6 mg alla volta. E per rassicurarLa Le dico che per questa posologia serve la ricetta medica.”
Sarà autosuggestione, ma avere una prescrizione mi conforta.
E poi, vabbè, inizio a scalare anche l’antidepressivo.


masha e orso

Mi piace tantissimo il cartone animato russo.
Alla festa della Salute prendo sempre il palloncino di questi personaggi.
Sì, lo so, non ho più 6 anni.
Da qualche settimana frequento una nuova palestra e una dello staff si chiama Masha e la cosa incredibile è che io spero sempre spunti fuori quel placido e sfortunato orso a fare conversazione con me sul tapis roulant.


caro babbo natale

Caro Babbo Natale,
e. p.c.,
caro topolino dei denti,
cara fatina dei gattini,
carissimo coniglio Pasquale,
caro gesubambino,
cara Befana,

gattocome sai vorrei tanto essere adottata da un gatto, ma se questo non dovesse accadere potresti regalarmi questo cuscino con la coda che si muove? Mi piace quello grigio. Lo fanno in Giappone alla Qoobo e, se riesci, ti fai dire se fa anche le fusa? Io posso anche aspettare, non serve che tu lo metta sotto all’albero o dentro l’uovo di pasqua. Mi basta un corriere.
Il mio indirizzo lo conosci.
grazie
A.


la palestra

Ho rinunciato al pilates e alle cose che mi piacciono nella palestra vicino all’ufficio per andare in quella a 50 metri da casa. Quando un tizio che conosco diceva che la palestra migliore è sempre quella sotto casa io non ci volevo credere…ed invece…
Inevitabilmente d’inverno sono più pigra e poi mi piace fare la strada dall’ufficio con la mia collega, cambiarmi a casa, metterci due minuti netti da porta a porta.
Il problema è che dove vado ora non ci sono i “miei” corsi e soprattutto funziona la sala pesi.
Qualcuno prova a dialogare, io sono comunque prevenuta…
“allora sei nuova? Perchè hai deciso di fare pesi?”
“Perchè è l’unico posto sotto casa.” 
Gelo, silenzio e continuo a contare, perchè tra le altre cose, io perdo anche il conto e non so mai dove sono arrivata con le ripetizioni.


la prima recensione negativa

Finora non ci sono mai stati particolari problemi con le passeggiate che ho progettato e fatto, certo c’è sempre qualcuno a cui non va bene mai niente, ma per la prima volta è arrivata una recensione negativa.
Sono stata definita “poco coinvolgente e a volte molto frettolosa nelle spiegazioni ed illustrazioni del percorso.” La visita che ho fatto è stata definita poco approfondita e senza aneddoti. 
Ecco, buon lunedì anche a me.
Mi sento una merdaccia (per usare un francesismo).