sono stanca

Sì lo so: sono appena tornata dalle ferie.
Chiamiamole vacanze.
Brevi vacanze.
Sono tornata.
Ma sono lo stesso stanca.
E che non mi si venga a dire che è il cambio di stagione perchè io vi direi che non esistono più le mezze stagioni!
Che poi ho una stanchezza fisica che mi fa dormire tanto, tantissimo, che mi abbatte ma per la quale basta mezza dose di buona volontà e un po' di sonno.
E poi ho una stanchezza mentale: la fine del master, i lavori, gli impegni, il tener testa a tutto e dimenticarmi la metà delle cose, la necessità di trovare un nuovo lavoro. Qui basta la pazienza e una buona agenda.
Ma sono stanca.
E leggo quell'articolo su Michael Jackson che pare si sia bevuto gli antidolorifici che andavano per endovena…io lo faccio con quelli sottocutanei…che non è la stessa cosa, ma potrei e vorrei parlare tanto di questa cosa ma non posso qui e ora.
Sì, sto bene, non è questo il punto.
Il punto è che sono stanca.
E non sono l'unica.
Non posso lamentarmi di essere stanca con la mia famiglia, con i miei amici, con il web…perchè ognuno sta portando le sue croci e fare a cambio non è mai una buona alternativa.
Mi consolo: sto leggendo un bel libro.

<!–

–>

Annunci

6 years

Un giorno Lui va a casa di Lei prtando con sè la play station, così per fargliela provare
Lei brontola ma Lui la collega alla tv coon il gioco dei simpson…

Lei: @#€!!£$%
Lui: ….
Lei: muori bastardo!
Lui: …
Lei: @#£$%#@
Lui: …

Dopo un’ora

Lui: prepariamo la cena
Lei: mmmmmm
Lui: ok, faccio io. cosa vuoi?
Lei: fetente!
Lui: ok
Lei: vola seguendo i vortici ascensionali….nooooo, non cadere!
Lui: …

Lui: prepari la tavola?
Lei: mmmmmm

Lui: vieni a cena?
Lei: mmmmmm

Lui le stacca a forza la play station.

Lui non sa che Lei evita questi giochi perchè è facilmente addicted con le cose che le piacciono (vedi il cioccolato) e che potrebbe passarci tutta la giornata perchè, sebbene il gioco sia indicato per bambini dai 6 anni, Lei non ha quella elasticità mentale e ci mette tre ore per capire come uscire dal planetario…

 

avvisaglie

Da circa due mesi ho lasciato Amata Analista.
E’ un periodo di profonda rabbia che non riesco a sfogare.
E di stress che io stessa mi procuro.
Il mio corpo ne risente a livello muscolare.
Io sono lì che credo di morire un giorno sì e l’altro pure, faccio ricerche assurde su internet alla ricerca dei miei presunti mali.
Piango tanto.
Dormo troppo o troppo poco.
Ogni notte alle 2.45 mi assale una nausea assurda e giù di malox.
Io so dove stiamo andando.
Ci sono già passata.
E oggi quello che non doveva accadere: una avvisaglia di attacco d’ansia in un negozio in cui non ero mai stata, perchè era troppo claustrofobico, non c’era quello che volevo.
E’ durato neanche un minuto.
Eppure io mi ricordo che tutto, già una volta, è cominciato così.

 

rassicurazioni

Dialogo mattiniero, davanti ad un orrendo caffè solubile.

Tina: sospiri ancora? cosa ti preoccupa?
Io: ma niente…cioè, una delle cose è che mi inquieta la stagista
Tina: ma va là. Deve entrarti da un orecchio e uscire dall’altra
Io: eh, facile…
Tina: facciamo una cosa. Comincia a preoccuparti quando lo faccio anche io, ovvero quando cambierà il direttore

Chissà…ho sempre pensato come sarebbe stato lavorare altrove. Poi mi guardo intorno e c’è il deserto…e il mutuo…e mi chiedo dove troverò la forza di ricominciare. Poi ci sono giorni in cui già mi vedo a capo del mondo, che ho progetti in testa, che mi vedo sulla scrivania del direttore del MOMA (in qualunque posizione e sì fraintendete pure)…basta cazzeggiare ora, torno al lavoro!

damore e daccordo

Lui: Vuoi andare a fare spese?
Lei: che cosa devi farti perdonare?

——-
Lui: che dici se te lo regalo?
Lei: che cosa devi farti perdonare?
——-
Lui alla cassa
Lei: la prossima volta che fai il cascamorto con la cassiera ti taglio le palle
——-
Lui: ho fame
Lei: dai, ti offro un panino. Siediti che io faccio la coda
——-
Lui: il cellulare che mi hanno venduto è tarocco, gli manca la batteria
Lei: dai che chiamo io il centro assistenza

fine del resoconto di questo sabato che in realtà è stato molto bello, appagante e rilassato.

<!–

<rdf:Description rdf:about="http://lucedelmattino.splinder.com/post/21826687&quot;
dc:identifier="http://lucedelmattino.splinder.com/post/21826687&quot;
dc:title="damore e daccordo”
dc:subject=”vita, dipendenze, fine del mondo, shopping compulsivo, vita a venezia, molliche di pane, maschi senza cervello, money money money, strana vita di coppia”
trackback:ping=”http://www.splinder.com/trackback/21826687&#8243; />

–>

uomini duri

Stamattina la mamma del tatuatore verrà operata di ernia.
Domenica gli chiedo se è preoccupato e mi dice di no.
Stamattina alle 7 mi manda un sms per chiedermi se ho dormito bene, cosa che non fa mai. Allo squillare del telefono, ovviamente, penso al peggio sul mio fronte familiare, e invece è solo lui.
Alla domanda: sei preoccupato?
Lui: no, solo assonnato.
E allora dormi, avrei voluto dirgli, ma so che in realtà è sulle spine.

<!–

–>