Iniziamo bene

Ore 5, suona la sveglia per andare a lavorare (ma serve a poco visto che rugrat ha avuto una notte agitata), mi lavo i denti e mi sciacquo con il colluttorio.

Peccato fosse olio di mandorle. 

io mi faccio i selfie

Non ho mai amato le fotografie, sarà che non mi piaccio e rivedermi crea un discreto disagio.
Tra le altre cose io non posseggo specchi.
Però, da quando ho iniziato questo percorso e il mio viso è meno tondo e più triangolare, i miei lineamenti non mi dispiacciono. 
Sul resto del corpo ci sto ancora lavorando.
E se un vecchio amico mi dice “dai, facciamoci un selfie e mandiamolo a C.”…non declino l’offerta.

le foto

Sono appena tornata da un fine settimana vacanziero costellato da diversi strani pensieri, ma fondamentalmente la prima vacanza dopo l’intervento di marzo.
Cos’è cambiato?
Non bevo più alcolici e divido le porzioni al ristorante con chi è con me che quindi si ritrova a mangiare più di una porzione e mezza. 
Ma soprattutto è cambiata la forma del mio viso.
Ho rivisto due foto: una di circa 3 anni fa e una di ieri.
Sono passati 3 anni e più di 30 kg.
E sorrido.
Ma forse anche per altri motivi.

io – personale

Io sono miope.
Eppure ho scelto di non operarmi agli occhi perché io mi piaccio con gli occhiali, sono diventati un accessorio del mio abbigliamento, del mio stato d’animo e mi fanno sentire protetta.
Io porto gli occhiali.

Io mi mangio le unghie.
Non riesco a sopportare il gel sulle unghie e tendo a strapparmelo, quindi niente french manicure o artigli affilati.
Io uso sempre smalti colorati.

Io sono pigra.
Quindi raramente mi trucco bene, ma ho sempre una trousse per le emergenze.
Sto iniziando a mettermi il mascara.

Io sono grassa.
Lo sono sempre stata. Sono stata potenzialmente magra solo quando mi inducevo il vomito tutti i giorni.
Ho imparato a convivere con il mio corpo.
Ho imparato a vivere da sola.
Ho scoperto che gli uomini guardano le ragazze magre ma poi amano anche quelle grasse.
Ho provato a dimagrire.
Negli ultimi due anni ho perso 22 kg (in realtà erano di più ma una decina li ho ripresi).
Ho deciso durante il percorso di farmi tagliare un pezzo di stomaco.
Chirurgia bariatrica, ovvero un intervento malassorbitivo.
Lo faccio per la mia salute.
Nel frattempo ho ricominciato a frequentare una persona.
E la domanda più stupida che mi sto ponendo è: e se non gli piacessi più quando sarò magra  diversa?

non sono dubbi

I giorni si avvicinano, ma scorrono un po’ troppo lenti.
Per fortuna tra un paio di giorni parto e vado a fare una full immersion di musei che è una delle cose che mi rilassa di più.

Però ieri, anzichè fare la valigia per la vacanza, ho messo in ordine le cose per l’intervento perchè riordinare ha un valore catartico.
Ho riletto un paio di volte il consenso informato.
Informato è la parola chiave.
Io sono informata.
Ho avuto un crollo emotivo non indifferente.
Ma eccomi di nuovo in piedi, insonne, affamata, felice ma ansiosa.
Poi penso che sto frequentanto una persona a cui il mio fisico piace.
Rileggo il consenso informato: l’intervento non è considerato “estetico”.
Però il mio corpo cambierà.
E ci ho messo tanto ad accettare di conviverci e di non poterlo cambiare.

Ma come dice un vecchio amico: decidere e andare avanti.

l’ora del riposo

WhatsApp Image 2017-12-03 at 09.05.15La stagione turistica è praticamente finita, mi sto occupando delle pratiche per il patentino da guida, faccio qualche progetto e penso all’anno nuovo. Intanto lavoro e lavoro.

Nel frattempo, per un fortuito caso di malanni di stagione, ho visto un fine settimana con la Bestiaccia alle terme che sono vicino a casa ma sono pur sempre terme.
All inclusive, mezza pensione, colazione spettacolare, massaggi, sauna, bagno turco (piccini) e piscina interna ed esterna con acqua calda.
Acqua calda!!
Sono stata in ammollo praticamente 16 ore su 24, a galleggiare, a pensare, a non pensare, a respirare.
Mai dono di natale anticipato fu più gradito.
E il mio corpo ringrazia: lo sto stressando, importunando, stancando, sottoponendo ad esami, non gli ho concesso del riposo vero e proprio per un anno e adesso era ora se non volevo dare di matto e se non volevo “restare a piedi”.
Era una vita che il lunedì non sembrava così leggermente normale!