Sono una cliente nella media

Volevo cambiare operatore telefonico e avrei potuto arrangiarmi e farlo on-line come tutte le persone normali. E invece sono entrata in un negozio monomarca, ho fatto le classiche domande stupide, ho delegato, ho fatto trasferire i dati da una SIM all’altra proprio come una donnetta incapace.

Ogni tanto ci vuole.

Annunci

c’era una volta e c’è ancora

C’era una volta un blog dove scrivevo tutti i giorni.
Poi alcune interferenze e la maternità mi hanno frenata, anche perchè non voglio scrivere solo per lamentarmi.
Tra i grandi cambiamenti in atto c’è l’inserimento al nido di The rugrat che dovrebbe consentirmi di riprendere ritmi e abitudini più umani.
Mi tengo stretti i miei turisti che fanno quattro passi fuori da Piazza San Marco e mi domandano se hanno cambiato città o se sono ancora a Venezia.
Queste, obiettivamente, sono le piccole cose che mi tengono a galla.

quello che mi manca

Gli aperitivi.
Le cene fuori.
Poter scegliere cosa fare senza programmare con settimane d’anticipo.
Uscire di casa solo con una borsa piccola e leggera.
Viaggiare.
Il silenzio.
Andare al cinema.
Lavorare tanto.
Le camicie accollate.
Le collane.
Leggere.
Andare in terapia.
La pasta e fagioli, l’hummus e le fave.
I miei antidepressivi.

E non solo questo e non necessariamente in quest’ordine,

La vita non è solo maternità

Ricominciare a lavorare non è facile, per lo meno da quando esco di casa fino al vaporetto. Per carità, the rugrat mi manca, però il mio lavoro mi piace anche di più quest’anno che lo prendo con più lentezza. Ho la fortuna di poter scegliere quando e con chi lavorare. La difficoltà sta nel passare dalla modalità “mamma” a quella “sono una guida preparata”.

Ho fatto un tour per i rappresentanti di un importante hotel e mi hanno richiamata perché devono promuovere la loro struttura con la stampa e non immaginavano che il mio tour fosse così bello e perfetto per loro e anche perché “non sto mai zitta”.

Ho fatto una visita guidata con una collega che mi ha ringraziata perché “ho dei gruppi belli con cui è piacevole lavorare” e si è divertita nonostante fosse il 1 maggio.

Per carità, sono bazzecole, ma è quello che mi fa andare avanti in questo momento.