nell’ingorgo della burocrazia (2)

Pensavo di averle viste tutte, poi mi sono scontrata con la maternità.
Se richiedere l’ISEE è stato abbastanza semplice (due ore di viaggio e dieci minuti di pratica), il rapporto con l’INPS è tutta un’altra storia.
Il sito internet che fa quello che vuole.
Le schermate che appaiono a mesi di distanza e per fleggare una casella devi pregare Shakti, il contact center che ti scrive ma non ti chiama perchè i loro telefoni non funzionano…e potrei andare avanti all’infinito.
La prossima volta vado in un caf: dieci minuti di pratica, due ore di viaggio.

Annunci

formarsi

Ho più volte programmato un anno sabbatico senza mai riuscire a farlo, adesso posso godermi un paio di mesi sabbatici prima dell’arrivo di the rugrat.
E cosa si fa in un periodo del genere?
Si studia, ci si forma.
E così un po’ a rilento mi concedo conferenze, visite a mostre, pubblic relations e progetti.
Sperando che servano per il prossimo futuro.

l’ultimo giorno

In questo lavoro d’ufficio mi sono abituata ad avere tanti “ultimi giorni” perché ho avuto tutta una serie di contratti a tempo determinato.
Non ho mai avuto struggimenti d’animo, sono sempre stata piuttosto fatalista tra un rinnovo e l’altro, ma oggi è proprio l’ultimissimo giorno di lavoro.
Da domani sarò in ferie, tra due settimane in maternità e l’ultimo giorno di dicembre scadrà il mio contratto.
Non sono preoccupata, ho un buon piano per il 2019: fare la guida e l’accompagnatore turistico, ovvero ricominciare a fare quello che veramente mi piace e mi fa stare bene.
Certo, uno stipendio mensile, i buoni pasto e la malattia sono una gran cosa, ma a volte credo che la felicità valga ben di più.
E quindi: arrivederci!

non chiamatelo baby shower

La moda è quella della festa pre-nascita che si fa tra il VII e VIII mese di gravidanza tra sole donne.
L’idea anglosassone è quella di un party con regalini e cotillons, giochini assurdi  e imbarazzanti, chiacchiere, menù, lista invitati, un tema…
Io ero un po’ in imbarazzo a fare una cosa del genere, poi alcune amiche mi hanno convinta comunque a condividere l’arrivo di the rugrat e così ho fatto una cosa più a mia immagine: un tea pomeridiano (poco inglese e più europeo) con le amiche.
In un locale piuttosto semplice ma con una buona scelta di tea, dei dolci casalinghi e attenzione al cliente, ho preparato dei piccoli segnaposto utili e dolci ed è stato un pomeriggio splendidamente familiare, allegro, ricco di amicizia.
E questa gravidanza oggi mi fa un po’ meno paura.
Domani non si sa…

the day after

Il giorno dopo due maree eccezionali (la prima dalle 12 alle 15 e la seconda dalle 20 alle 23) la città si ritrova paralizzata.
Paradossalmente Venezia è molto più brava a vivere il quotidiano con i piedi in ammollo piuttosto che far fronte alle necessità del giorno dopo.
O meglio i veneziani sanno convivere con la marea, ricordo ancora una delle mie prime maree eccezionali quando mi stupii che si continuava a fare la spesa ma soprattutto ad andare a bere il caffè al bar. Il vero problema sono i turisti che si tuffano (letteralmente) in acqua per un selfie.

E così il giorno dopo negozi, supermercati, bar, banche e tutto il resto chiusi per far uscire l’ultima acqua, pulire, disinfettare, sistemare, aggiustare i danni che inevitabilmente ci sono.
Il giorno dopo è quello in cui si fanno i conti con la realtà, in cui si torna letteralmente con i piedi per terra.

inizia l’autunno

I segni dell’autunno a Venezia sono semplici: meno turisti, meno corse dei mezzi pubblici la domenica, la maratona, il vento di scirocco e l’acqua alta.

Venicemarathon 2018

photo © Matteo BertolinIeri siamo sopravvissuti ai maratoneti in ammollo (foto dal web) e all’acqua alta, oggi ci prepariamo ad una marea eccezionale tant’è che musei, scuole e ospedali pubblici saranno chiusi.
Io uscirò di casa con gli stivali e un rosario!