Iniziamo bene

Ore 5, suona la sveglia per andare a lavorare (ma serve a poco visto che rugrat ha avuto una notte agitata), mi lavo i denti e mi sciacquo con il colluttorio.

Peccato fosse olio di mandorle. 

Annunci

quello che mi manca

Gli aperitivi.
Le cene fuori.
Poter scegliere cosa fare senza programmare con settimane d’anticipo.
Uscire di casa solo con una borsa piccola e leggera.
Viaggiare.
Il silenzio.
Andare al cinema.
Lavorare tanto.
Le camicie accollate.
Le collane.
Leggere.
Andare in terapia.
La pasta e fagioli, l’hummus e le fave.
I miei antidepressivi.

E non solo questo e non necessariamente in quest’ordine,

Cose che non si dimenticano

Esattamente un anno fa accettavo un invito per un aperitivo che si concludeva con un addio senza rimpianti, senza lacrime, senza troppe ansie.

Esattamente un anno fa the rugrat veniva concepito.

Resta la grande domanda: come saremmo noi ora se, per caso, fossi andata al cinema?

non si nasce imparati

Non sono diventata figliocentrica, ma quando trascorri 7 giorni su 7, 24 ore su 24 con un neonato parlando con questa “cosa” di tutto e di niente…finisce che quando incontri degli adulti non ti metti a discutere di politica internazionale, bensì di tutto quello che ruota attorno al neonato.
In più, nonostante tutte le informazioni raccolte e la conoscenza reciproca, ogni giorno è diverso e si va a tentoni verso le esigenze di the rugrat che più che strillare non può fare.
Per dire che per la prima volta ha passato una notte in bianco urlando (secondo me di dolore) e io sono uno straccio.
Ecco.

nell’ingorgo della burocrazia (2)

Pensavo di averle viste tutte, poi mi sono scontrata con la maternità.
Se richiedere l’ISEE è stato abbastanza semplice (due ore di viaggio e dieci minuti di pratica), il rapporto con l’INPS è tutta un’altra storia.
Il sito internet che fa quello che vuole.
Le schermate che appaiono a mesi di distanza e per fleggare una casella devi pregare Shakti, il contact center che ti scrive ma non ti chiama perchè i loro telefoni non funzionano…e potrei andare avanti all’infinito.
La prossima volta vado in un caf: dieci minuti di pratica, due ore di viaggio.

nuove paranoie

Una cosa che non avevo messo in conto è essere una mamma con un dca.
Se io sto lavorando da anni sulla relazione con il mio corpo e sulle responsabilità che ho nei suoi confronti ora mi trovo ad avere delle responsabilità di salute anche nei confronti di the rugrat.
E mi scontro con il terrore che lei diventi come me, che sia fuori controllo e diventi grassa e che entri nel tunnel dei disturbi alimentari.
E ieri alla sua “pesa pubblica” è emerso che è aumentata di 1 kg, un po’ più della media, in un mese.
E io sono entrata in crisi.
Sarebbe successo ugualmente se non fosse cresciuta a sufficienza.
Credo che questo sia il risultato di un mix tra dca e la famosa “tristezza post-parto”.

Evviva.

il dolore

Chi mi legge sa che ho un rapporto strano con il dolore: inutile provarlo, ci sono gli antidolorifici e tanto vale usarli.
A volte nella mia vita anche abusarne.
Da che sono rimasta incinta non ho più potuto usare il mio arsenale e quelle poche volte che mi sono concessa qualcosa, beh era il paracetamolo che per una come me è come usare i fiori di Bach* per la gastrite.
Per preparmi al parto ho firmato tutte le carte possibili e immaginabili per la peridurale, poi arrivo in ospedale e alla domanda “mah, posso avere qualcosa?” il medico di guardia guarda fuori dalla porta e risponde candidamente: “Signora, doppio festivo.”
Eh, sì, perchè se a Venezia partorisci naturalmente dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 20, purchè non festivo, puoi sperare di incontrare quel figo dell’anestesista, altrimenti affidati all’assoluto (come dice l’ostetrica).
Eppure in tutto questo ambaradan io sono sopravvissuta, anche se ora desidero solo un prosecco e una buona droga.

* sì, non credo nè all’omeopatia nè ai fiori di Bach, mi dispiace.